martedì 30 settembre 2014

Si può fare l'amore vestiti?



Di tanto in tanto è anche piacevole incappare in qualche visione tutta italiana...anche se ancora non è chiaro cosa si intenda poi con quel "di tanto in tanto". Per come la vedo io: "di tanto in taaanto, ovvero, lasciamo che passi un bel po' di tempo, tra una pellicola made in Italy, e un'altra ancora".
Perché se il film precedente ci è piaciuto, il timore di smorzare l'entusiasmo ritrovato cresce a dismisura, e se si smorza l'entusiasmo, è dura poi tornare a dare fiducia a "quel cinema lì".

E infatti dopo è dura, e nel mio caso specifico il prima è stato con La variabile umana (film di cui ho scritto con moderata, ma sincera, soddisfazione) e il dopo, cioè l'ora, l'adesso e l'ammazza entusiasmo è stato con Si può fare l'amore vestiti?.


Peccato però, perché a me già la sola idea di immaginare un paesino della Puglia e il calore tipico "paesano", fatto di vecchiette sulle panchine e pettegolezzi di ogni genere, mi avrebbe convinto a parlarne bene, se non altro con entusiasmo. Perché mi piacciono le storie che alternano e confrontano la vita della città con quella della campagna, del paese. Mi piace vedere come cambia lo sguardo delle persone, l'approccio alla vita stessa che non è mai identico. 
Il film aveva un'idea di partenza curiosa, questa ragazza che dalla Puglia si trasferisce a Roma per studiare e diventare sessuologa, che a un certo punto ritorna al proprio paesino e quindi immaginate tutte le gag, inevitabili, e le reazioni dei vecchi compaesani al solo sentir nominare questa strana e, mai sentita prima, professione.
Era carino pensarle tutte, e sarebbe stato più facile secondo me non sbagliare, considerata la comicità innata sulla quale si doveva puntare e la strettissima aderenza allo stereotipo italiano. Cavolo, almeno sfruttiamole queste nostre ristrettezze mentali e culturali...
No, niente. Neanche quello!

Bianca Guaccero, la maestra/confidente/dottoressa del sesso, diventa dietro quegli occhialoni, una sorta di maestrina impacciata e poco credibile. La sua difficoltà a reinserirsi nel paese natale è affrontata con sufficienza, così come tutti i personaggi e le loro "appena accennate" storie.


Peccato perché c'era il migliore amico costretto a vivere in silenzio la propria omosessualità, e c'è un risvolto narrativo legato a questo personaggio che lascia a dir poco allibiti. Non puoi prendere una storia e raccontarla con sufficienza, perché così distruggi il potenziale che quella storia ha/avrebbe potuto avere e allo stesso tempo demolisci la sorte del cinema italiano. L'unico personaggio riuscito è quello interpretato da Maurizio Battista, sì lo so io sono romana e mi è difficile non volergli bene, però il suo calarsi nei panni del più tipico marito pugliese è stato convincente e divertente, il che può bastare.

Ma la cosa che più di ogni altra mi ha fatto incazzare, è che si poteva puntare davvero sulla bellezza di un titolo che già di suo sarebbe bastato, non a farne un capolavoro, ma anche solo un sincero e pulito omaggio alla più bella delle interpretazioni sull'amore, che nessun maestro, nessun poeta, nessuno...

I bambini e l'amore. Quella cosa che i grandi fanno quando si baciano, quando si abbracciano.


9 commenti:

  1. Che poi " fare l'amore vestiti" era una delle regole cinematografiche della commedia erotica all'italiana

    RispondiElimina
  2. "paesino della Puglia"...
    ... non voglio sembrare razzista, ma solo quelle tre parole mi hanno fatto rinunciare a vederlo.

    RispondiElimina
  3. Non ne avevo mai sentito parlare ma non credo che lo guarderò, già dalla trama non mi ispira molto..
    A presto, un bacione :*

    RispondiElimina
  4. Sì Marco...ma qui si sfrutta male l'innocenza che si cela nell'interpretazione dell'amore da parte dei bambini. Anche se, oddio, i bambini di oggi...XD

    RispondiElimina
  5. Carissima E. non ti perdi nulla! =)
    Un bacione grande a te :-*

    RispondiElimina
  6. Tranquilla Vale, non ho nulla contro i meridionali - anzi, ho molti amici/amiche di quelle parti. Però trovo sconfortante che il cinema italiano non sappia proprio raccobntare altro, a un certo punto...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...