martedì 14 agosto 2012

Carnage. Polanski/Dio del massacro..."ti odio"!

Maledetto il giorno in cui io vidi Carnage...
E continuerò a maledirlo almeno finché l'autore di questa carneficina da camera non venga da me e mi chieda umilmente "perdono".
Deve farsi perdonare tante cose il signor Polanski, forse "troppe", e tutte così maledettamente vere da contorcerti l'intestino e squinternarti la vita, perché è così che succede, quando te le trovi "spiattellate" in faccia senza preavviso.
Mi hanno detto che Carnage rientra probabilmente a pieno nella cerchia di quei film accettati all'unanimità dalla critica e dal pubblico. Ma, vedete, a me piace prendere ogni cosa così come la vedo "io" e non come viene (o meno) accettata dal resto del mondo, critica compresa. Io credo che per ognuno di noi esista qualcosa capace di stravolgerci, in vari modi e misure. L' arte (anche se le immagini che si muovono sul grande schermo hanno, per quel che mi riguarda, sempre "la meglio"), è un po' come l'arma migliore e la più devastante di cui l'uomo dispone, solo che a volte ci appaga e ci fa vincere le battaglie più toste della nostra esistenza, altre invece ci annienta, ci "denuda", lasciandoci a terra inermi. 
Questa premessa in realtà non voleva esserci, però ne avevo bisogno, perché da critica quale sono, o cerco di essere, posso (e voglio) anch'io delle volte lasciarmi andare per provare a raccontare cosa un film, a volte, è in grado di fare a noi "poveri" spettatori imbambolati...


Roman Polanski decide di mettere in scena Carnage rifacendosi alla pièce teatrale di Yasmina Reza "Il dio del massacro". Un testo fatto e rifatto nell'Occidente, amato dai produttori teatrali e interpretato da attori come James Gandolfini, Ralph Fiennes, Isabelle Huppert in Francia e in Italia da Silvio Orlando.
Una rissa tra adolescenti farà da epilogo a un dramma da camera (altro che commedia), ambientato in un appartamento di Brooklyn. I Longstreet proprietari dell'appartamento/palcoscenico, e genitori del ragazzino che ha avuto la peggio, decidono di ricevere i Cowan, controparte rappresentativa del figlio "pazzoide". La calma e il contegno iniziali finiranno per esplodere poi insieme alla natura dei quattro personaggi, tra battibecchi velenosi e rinfacci continui. I buoni propositi con i quali i coniugi Longstreet si presentano verranno lentamente abbattuti e a prendere il sopravvento sarà invece la reale natura di questi genitori incapaci di gestire le conseguenze di una rissa che ha visto coinvolti i propri figli.

Le performance dei quattro attori fanno di Carnage uno "spettacolo" attoriale come non se ne vedevano dai tempi di  Buñuel e del suo L'angelo sterminatore, anche lì i personaggi vengono risucchiati dalle pareti di un appartamento borghese fino all'esasperazione. Praticamente "tu" spettatore, povero e indifeso ti senti risucchiato e arriverai alla disperazione proprio come questi quattro isterici che si muovono sulla scena. La nausea della signora Cowan (una grandissima Kate Winslet) colpirà anche te fino all'esito più disgustoso e "vomitevole". L'ira e instabilità della signora Longstreet ( perfettamente incarnata da Jodie Foster) finirà per essere anche la tua. L'odioso signor Cowan (Christoph Waltz) e quel maledetto BlackBerry e un imbarazzante venditore di maniglie (John C. Reilly) bastano a fare di un film il miglior/peggiore della vostra vita... 
Può sembrare contorto lo sò, se avete visto Carnage però vi è più chiaro.

Non è la prima volta che Polanski ti nega una via di fuga, qui però a me ha tolto l'aria. Ero sul divano, da sola e non riuscivo a trovare pace. (Mi alzavo, mi mettevo di nuovo a sedere, poi allungavo le gambe e poi facevo due passi, mi mangiavo le unghie...)
Polanski io ti ho odiato dal profondo, e ti odio ancora perché mi hai sbattuto in faccia uno dei mali più grandi del mondo e degli uomini, un male chiamato ipocrisia. L'ipocrisia come qualcosa che va ad annientare i figli che crescono seguendo le misere lezioni di vita impartite da genitori in perenne conflitto interiore. Genitori sordi, ciechi che non hanno voglia di guarire pur di continuare a barcamenarsi nella loro asfisiante vanità. Incapaci di risolvere i propri problemi, figuriamoci cosa combinano quando in ballo ci sono le questioni dei figli. Genitori che sanno mantenere la calma e il contegno di fronte alle risse dei figli, le loro gesta inspiegabili; gli stessi però che vanno "in bambola" se gli rovesci la borsetta, gli affoghi un BalckBerry oppure gli "imbratti" un libro d'arte buttato in salotto. Cos'è questa? 



Carnage è verità, e la verità si sa, fa male...





7 commenti:

  1. Per me uno dei Polanski più deludenti della carriera del Maestro.
    Peccato.
    Perchè è stato incensato praticamente ovunque.

    RispondiElimina
  2. Ah Ford sei praticamente il primo "contro" Carnage...=) Guarda io mi sto facendo certe "litigate" proprio ora su Fb. Però il mio giudizio, e spero si sia capito, è più figlio di una forte presa che ha avuto su di me il film. Questa messa in scena dei vizi e delle debolezze dell'uomo a me spiazza e come lo ha fatto Polanski devo ammettere ben pochi ci sono riusciti. Però ripeto, questa recensione è più una critica fatta con la "pancia" che con la mente obiettiva e lucida. Io ho fatto fatica a vederlo tutto d'un fiato...e cosa assolutamente certa, non lo vedrò MAI più!!! Ma riconosco il genio di un regista che fa pieno centro,altrimenti non lo odierei così tanto...^_^

    RispondiElimina
  3. Valentina condividiamo sia il nome che l'opinione sul film. L'ho visto ieri sera. All'inizio ho pensato che durasse poco, un'ora e un quarto scarsa, ma poi mi sono resa conto che se fosse durato di più, probabilmente non avrei retto. Non perché il film sia brutto, ma perché ti mette di fronte a prototipi negativi e assolutamente veri, chiusi in una stanza, senza lasciarti mai il tempo di respirare! Condivido al 100%!

    RispondiElimina
  4. Ciao Valentina, mi fa piacere sapere che i nostri pensieri viaggiano sugli stessi binari. Del resto è questo che ci smuove di più davanti a Carnage, l'impotenza di fronte alla realtà. E questo si sa, ci fa troppo male, ci toglie il fiato...Grazie per esser passata di qua, e Benvenuta!!! =)

    RispondiElimina
  5. una schifezza di film dai dialoghi alla recitazione.
    una critica stereotipata alla ipocrisia.
    Vi consiglio di vedere "chi ha paura di Virginia Wolf?"
    altro che!

    RispondiElimina
  6. Qui mi sa che si fa un po' confusione, Polanski ha fatto sicuramente un bel film ma qui il genio è Jasmine Reza,la scrittrice francese, che ha scritto il testo "Il Dio del Massacro. ...lui lo ha semplicemente, e si fa per dire, portato sul grande schermo, non ha inventato niente ha preso pari pari il testo!!!

    RispondiElimina
  7. Qui mi sa che si fa un po' confusione, Polanski ha fatto sicuramente un bel film ma qui il genio è Jasmine Reza,la scrittrice francese, che ha scritto il testo "Il Dio del Massacro. ...lui lo ha semplicemente, e si fa per dire, portato sul grande schermo, non ha inventato niente ha preso pari pari il testo!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...