sabato 23 marzo 2013

Paradiso amaro


Ultimamente i miei gusti cinematografici sembrano essere sballati completamente, ma questo non significa che la cosa debba per forza dispiacermi, anzi. Potrei partire dal fatto altrettanto insolito che riguarda le traduzioni italiane che, il più delle volte, stravolgono (uccidendolo) il film che da oltreoceano arriva nelle nostre sale. A pensarci bene The descendants non mi avrebbe incuriosita più di tanto, e nemmeno avrebbe contribuito a farmi fare un'idea sul film. Paradiso Amaro ha qualcosa già nel suono che produce, un messaggio che quasi non lascia via di scampo. Quell'amarezza che permea il titolo, non abbandona di fatto, nemmeno per un istante, lo spettatore che deve saper gestire questo inspiegabile contrasto che c'è, tra lo sfondo paradisiaco delle Hawaii e il dolore pronto ad esplodere dallo schermo, senza preavviso, proprio come nella vita. 

Quella della commedia amara che sottilmente scava nell'epidermide, è una prerogativa del cinema di Alexander Payne. Dopo sette anni, dopo quel viaggio indimenticabile di Jack e Miles (Sideways - in viaggio con Jack) il regista statunitense, torna dietro la macchina da presa per seguire e raccontare, passo passo, la corsa disperata di un uomo, simbolo della commiserazione e del dissesto psicologico maschile. Una corsa che non ci dà mai modo di sapere dove vuole arrivare, nel mentre però, quello che sappiamo per certo, vince la presa di coscienza da parte di un uomo fondamentalmente solo, incapace fino a ieri di comunicare con le figlie e di badare ad esse, se non delegando il tutto nelle mani della moglie. 


A mettere in moto tutto è un incidente in mare, nel quale la moglie di Matt/George Clooney, avrà la peggio. Dal coma irreversibile si arriva poi alla terribile decisione di staccare le macchine, di porre fine a quel briciolo di vita (se così possiamo chiamarla) rimasto alla donna. Ad animare il tutto, questa interminabile attesa, sarà il rapporto di un padre disperato e impreparato, con le sue due figlie. La più grande, Alexandra/Shailene Woodley, è una bella tipa, ribelle e dalla parolaccia facile. Quella che ha dovuto toccare con mano la fine del matrimonio dei genitori, sorprendendo la madre con un altro uomo, prima e sostenendo il padre durante il lungo e difficile percorso dell'accettazione, dopo. La giovane Woodley incarna a meraviglia una piccola donna capace perfino di prendersi cura del proprio padre, perché spesso incapace, ma anche perché affranto da tutto il dolore e le umiliazioni che gli stavano piovendo addosso. Clooney è davvero una sorpresa che lo spettatore non potrà mai dimenticare. La stella di Hollywood che diventa umano? Un uomo goffo, inadatto e deriso dalla sua stessa fallimentare esistenza?


Ebbene, quando vediamo la corsa disperata e comica di Matt, per raggiungere gli amici e dunque la verità sulla relazione della moglie, ci viene un nodo in gola e l'affanno, come se stessimo correndo insieme a lui, bramosi di saperne di più. Le espressioni facciali di quest'uomo, il suo essere a disagio continuamente, fanno quella che io considero, la prova più umanamente alta, di Clooney. Mi rimane dentro al cuore lo sguardo di Matt e il dolore inesploso di fronte alle parole pungenti e cattive del suocero, mentre lo rimprovera per aver rovinato la vita alla figlia. Oppure le parole in ospedale, le ultime parole. Senza rabbia o rancore solo l'immenso dolore di un uomo che di colpo ha dovuto affrontare per ben due volte la perdita della donna amata. Accettare che lei avrebbe chiesto il divorzio e accettarne la morte. Poco contano gli affari e la storia della vendita del terreno cui sarà coinvolto Matt. La sola cosa che qui conta, è che di fronte alle prove più dure cui ci sottopone la vita, non esiste l'eroe, non esiste il divo. 
Esiste solo l'uomo...

7 commenti:

  1. Un film che ho amato molto, pur non essendo di fatto una pietra miliare.
    Sincero e sentito, come piace a noi fordiani. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è proprio questa sua umanità a farcelo apprezzare così tanto. Non un capolavoro, ma uno di quei film che ti mettono a nudo. :)

      Elimina
  2. Wow che bella recensione, di un bellissimo film. George ha saputo tirar fuori un suo lato che non era mai uscito in tanti anni di carriera.. Leggendo il tuo post mi è venuta la pelle d'oca ripensando al film.
    Concordo sul fatto che PER UNA VOLTA la traduzione fuorviante abbia reso meglio di quello che avrebbe fatto una traduzione letterale.
    Brava anche Shailene Woodley che a vederla ne La Vita Segreta Di Una Teeneger Americana non le si darebbe credito (forse per colpa della doppiatrice..).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale!!! =) Vero, questa ragazza secondo me può dare molto e speriamo le diano possibilità concrete. E poi ultimamente mi ritrovo ad apprezzare i titoli nostrani, bah, davvero strana come cosa... Un bel 10 con tanto di lode a Clooney perché ha tirato fuori il lato più vero e fragile dell'essere umano.

      Elimina
  3. un bel film, ben confezionato e senza troppe pippe mentali e ambiziosità varie...

    RispondiElimina
  4. Esatto Lorenzo, è genuino e non infiocchettato. E ci piace!!! ;-)

    RispondiElimina
  5. Guys, subsequent time you purchase the pill, check with your associates whenever they have to
    have one. This should double up the sale with the anti-impotence medication Cialis.
    A new locating suggests which the erectile dysfunction tablet which has pepped up the sexual lifetime
    of guys is proving to become productive in the event of girls struggling from a sexual disinterest.
    The research underlines that the medicine performs for women
    just as much as it does in the event of males otherwise more.


    Also visit my website www.erectionpillssummer.com

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...