giovedì 17 marzo 2016

Lo chiamavano Jeeg Robot



"Cuore e acciaio", sembra la premessa di un bel thriller metropolitano.
Ambientato nelle viscere della capitale, fitta di anime nere che vomitano veleno e corrono affannosamente, per la terra, tra le stelle. Certo mica supereroi qualunque, solo uomini che non hanno più paura perché non hanno niente.
E allora devi essere per forza così, un cuore pieno d'acciao pronto a vincere contro ogni violento urto e pronto ad ammorbidirti, all'occorrenza.

Amico di nessuno, Enzo Ceccotti (Claudio Santamaria) diventa all'improvviso il paladino dei reietti. Invisibile e disgraziato, che tiene in frigo solo la tristezza e la solitudine di una vita vissuta di riflesso. Viscida e sporca. Uno che se cade nemmeno s'ammazza, però si sente il botto.
Il botto di Gabriele Mainetti, qui al suo esordio registico (e che esordio!), riporta alla paura che poi fa l'uomo, nel film di Claudio Fragrasso, Palermo Milano - solo andata. Quando prima di ammazzare qualcuno ci si chiedeva pure "chissà che effetto fa". E le ricordo bene, le parole di Tarcisio (Valerio Mastandrea) a Remo (Ricky Memphis), poco prima di morire.
"Remo, c'avevi ragione. Se sente er botto".


Commovente e spietato, come lo è a tratti Lo chiamavano Jeeg Robot. Un film con gli attributi, coi controcazzi - diciamolo pure!
E oggi poterlo dire ha un sapore del tutto diverso, rispetto agli anni '90. Perché oggi ci sentiamo perennemente obbligati al confronto con l'onnipotente bandiera a stelle e strisce. Perché i supereroi è roba che appartiene a loro, dove andiamo noi italiani provincialotti e morti di fame?
E invece andiamo, pronti a sfidare la sorte, la concorrenza oltreoceano. I miliardi di dollari al botteghino e tutte le grandi mele invase dai Chitauri.
Non abbiamo sbatacchiamenti e nemmeno un miliardario, genio e filantropo (e pure grande gnocco!), ma abbiamo un cinema italiano pronto a rinascere.

Gabriele Mainetti è l'ennesima conferma, sia benedetto!
Dopo il tentativo poco riuscito di Salvatores, con il suo Il ragazzo invisibile, Mainetti se ne esce con un film sorprendente con tanto di botto.
Tutto è credibile, parliamo di un film nostro, di un supereroe de noantri.
Che faresti se un giorno ti accorgessi di avere i superpoteri?
Non diciamo cazzate, abbiamo pensato tutti la stessa cosa...


Ed è già cult la scena di Ceccotti che sradica il bancomat e se lo porta a casa. Stendendo banconote sporche di inchiostro.
Lo chiamavano Jeeg Robot ha il pregio unico di mettere in risalto le qualità del nostro cinema. Attori talentuosi, mostri che vendono l'anima pur di entrare nel personaggio. Claudio Santamaria lo definirei un Tom Hardy italiano, che sembra avere solo il fisico per certi ruoli, per certe situazioni. E invece ha tutto, perché mentre finge di essere al mondo tanto per starci, poi si rivela per quello che realmente è. Eroe per caso, ma necessario. Certo Santamaria è pure la voce del Batman di Christopher Nolan. Voglio dire...
E Luca Marinelli è un matto scocciato che ti rimane addosso. Un figlio di una super mignotta, detto Lo Zingaro, pieno di amor proprio, fanatico estremista delle icone pop degli anni '80. Ogni sua performance vocale è un omaggio distorto e allucinato, pregno di violenza e follia.
Un villain che non vuole restare crocifisso al muro, che snobba Tarantino e poi sporca di sangue un telefono bianco. Bianco per sbaglio, eppure così significativo.


Questo Jeeg Robot è un supereroe atipico, forse esclusivamente nostrano. Che ti violenta e ti protegge, mentre la ruota gira e tu sei costretto a vedere tutto. Il mondo com'è, come non vorresti che fosse. E non poteva mancare la sensibilità di un personaggio femminile che smuove la coscienza del supereroe, che lo rimette in vita. La ragazza che vive nel mondo parallelo, sorvegliato dal grande e potente Jeeg - e interpretato da una bravissima Ilenia Pastorelli - smussa l'oscurità degli angoli più neri della notte. Lei è l'innocenza e la verità che fa male, che indossa l'abito di una principessa e vive combattendo come una guerriera.
Quella che ti fa notare che con le scarpe di camoscio non sei per niente credibile, ma al tempo stesso ti sprona e ti convince che puoi davvero salvare il mondo.

Forza Hiro', che se poi viene il giorno delle tenebre... succede un macello!

12 commenti:

  1. Leggere tante recensioni positive, fa aumentare ancor più il fastidio per il fatto che, dopo averlo tanto atteso, nelle sale della mia città (Asti) è rimasto in cartellone tre giorni, di numero :-( Mi sa che, per recuperarlo, dovrò andare a Torino.

    Consueto casini distributivi che porterebbero a fare un lungo discorso sul perché, in tanti, finiscono per rivolgersi al mare magnum dei Torrent, ma non voglio deviare troppo il discorso dal film e dalla tua interessante recensione.

    P.S. Pur non avendolo visto per le ragioni di cui sopra, la presenza di Santamaria è già un plus a prescindere: ottimo attore!

    RispondiElimina
  2. Ciao Gabriele e grazie per essere passato di qua!
    Purtroppo la tua testimonianza non è l'unica, e continuo a preoccuparmi seriamente della nostra distribuzione. Pigra e sorda, anche davanti a casi del genere. Spero davvero che tu riesca a recuperarlo quanto prima, perché se il nostro cinema ha ancora una speranza, è tutta racchiusa qui. In film coraggiosi che riaccendono la nostra sorte.
    Ti ringrazio per aver letto e apprezzato la recensione. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Devo vedere questo film, appena lo trovo non mancherà la visione dato che mi sta incuriosendo parecchio xD

    RispondiElimina
  4. ...mi manca proprio questo film...
    ne parlano tutti più che bene per altro

    RispondiElimina
  5. Eh sì Laura. Devi assolutamente! ;-)

    RispondiElimina
  6. Vero Poison... bello in modo assurdo! ^_^

    RispondiElimina
  7. Ti capisco Patalice. Io non ne potevo più delle recensioni degli altri! XD
    Sono curiosa di sapere poi. Spero tu possa vederlo presto. ;-)

    RispondiElimina
  8. Un film splendido, che ti rimane addosso, alla faccia di quei supereroi USA che fanno il botto giusto il tempo di uscire dalla sala e poi, col passare del tempo, sembrano tutti uguali. E' proprio il caso di dire Daje, Gigrobò!

    RispondiElimina
  9. Sono contento che ti sia molto piaciuto. Anche noi l'abbiamo molto apprezzato, sopratutto per la presenza dello Zingaro.

    RispondiElimina
  10. Sto continuando a leggere recensioni entusiastiche, e sono sempre più curioso. Spero di vederlo presto.

    RispondiElimina
  11. Eh mi aggrego al gruppo dei "ne leggo benissimo e lo vedrò"!!! :D Bella la tua recensione *__*
    Ciao Valentina un abbraccio ^_^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...