sabato 16 giugno 2012

E alla fine arriva Ennio!!!




Sapete, la cosa più bella del mestiere del "critico" o del giornalista cinematografico come preferite chiamarlo, è che una comunissima giornata può all'improvviso prendere un'insolita piega e divenire memorabile. E' così che accadde lo scorso lunedì, 11 giugno...
Al Centro Sperimentale di Cinematografia, in Via Tuscolana a Roma si svolge un incontro creativo con gli allievi e il regista italiano Daniele Luchetti. Ospite d'onore, "Ennio Morricone".

Avete capito bene, sto per raccontarvi una delle più belle giornate della mia vita e vi garantisco che non è una frase fatta o d'effetto, perché incontrare uno dei più grandi compositori di musica per film che il mondo cinematografico conosca non è certo cosa che capita tutti i giorni. Ma immaginate la scena, questa è divertente e merita d'esser raccontata. Io che osservo i corridoi e il cortile del Centro, rapita dagli innumerevoli scatti in bianco e nero appesi alle pareti, tra i volti indelebili della grande Anna Magnani, Alberto Sordi, De Sica e quant'altri...vedo arrivare ad un tratto un "omino" con una polo rossa, una giacca beige, e un paio di occhiali dalle montature scure, nere, per l'esattezza. Ma, dico tra me e me, non sarà davvero lui? Non può essere lui... (E INVECE E' LUI!!!)
Ennio Morricone si avvicina verso di me, attentissimo a quel che Luchetti gli spiega durante il giro di perlustrazione tra le aule della scuola. Le mani iniziano a tremare, la voce nemmeno distingue più la via di fuga e il cuore scalpita, va a mille. Nonostante questo mi convinco che la sola cosa da fare in quel momento è seguirlo... La scena è esattamente questa, io che faccio "le poste" a Ennio Morricone...finché non arriva al bar e lì, decisa più che mai prendo fiato e mi rivolgo a lui con gli occhi increduli e gonfi di ammirazione. Riuscite a immaginare cosa si provi a stringere la mano a un "mostro" del genere e immortalare quel momento con uno scatto?  Non sono sicura del fatto che si possa comprendere la cosa e quel che mi ha in un certo senso stranita quel giorno è stato proprio vedere l'atteggiamento quasi di indifferenza o comunque così passivo dei ragazzi presenti. Cavolo io capisco che in quell'ambiente poi ci si abitua a personaggi di un certo spessore e di una certa rilevanza cinematografica, però quel tizio che vi sta passando accanto è Morricone...uno che ha realizzato qualcosa come 500 partiture per film, cioè...

Insomma quella giornata è stata inaugurata così e le emozioni si sono spostate poi nell'aula di recitazione, una sala piuttosto piccola. Nel centro due poltrone, una per Luchetti una per il Maestro e davanti a loro un gruppo di studenti accovacciati a terra, muniti di penna e blocco notes. Io ero tra loro, in prima fila a gustarmi dall'inizio alla fine l'incontro organizzato dalla scuola e rivolto proprio a tutti quegli allievi intenzionati a intraprendere la professione del musicista-compositore nel mondo del cinema. Al centro dell'attenzione è stato l'atto creativo, ovvero tutto ciò che ruota attorno al talento e alla vocazione di un giovane che aspira ad intraprendere un percorso artistico, nello specifico, quello musicale.

Morricone ha raccontato ai presenti una serie di aneddoti e curiose circostanze lavorative che egli in prima persona ha vissuto nel corso della sua carriera. Dallo splendido rapporto con l'amico Sergio Leone, la cui collaborazione ha dato vita a capolavori filmico-musicali senza tempo, "Giù la testa", "Per un pugno di dollari", "Il buono, il brutto e il cattivo", "Per qualche dollaro in più", "C'era una volta in America", giusto per citarne alcuni. Il rapporto con Zeffirelli, un regista "strano" così Morricone ce lo descrive. Pensate che addirittura lo stesso Zeffirelli ( non potevo non raccontarvela ) si è trovato più volte a rifiutare i temi proposti dal compositore, perché dobbiamo immaginare che capita anche questo. Ma la cosa bellissima è che l'amico Sergio, sapendo bene che Ennio è uno che conserva sempre i suoi temi e non butta via mai niente, ogni volta, prima dell'inizio di un nuovo lavoro insieme, esclamava all'amico:" A Ennio, famme un po' vedé che ha scartato quel tonto de Zeffirelli va". Ed era così praticamente tutte le volte, con quegli scarti Leone realizzava monumenti di celluloide...

Morricone ha ribadito più volte ai ragazzi che il rapporto con il regista con cui si lavora è fondamentale. E' importante che ci si comprenda, che ci sia una comunione di intenti e di finalità. Questo è presupposto fondamentale per lavorare bene e dare il meglio di sé. Anche se i rapporti difficili e le incomprensioni con tutte le divergenze e le difficoltà del caso poi non mancheranno. Capita che il compositore vada in una direzione mentre il regista in quella completamente opposta. Senza perdere mai di vista il fatto che il regista è alla fine il vero padre dell'opera, perché suo è il film, un compositore non deve mai dimenticare che la sua musica deve essere "autonoma". La musica è un elemento aggiuntivo, astratto, che si dà al film. Questa ha il compito di dare al film quel che non si vede e non si ascolta. Nel cinema (e con questa concludo perché è bellissima e perché il rischio di dilungarmi per secoli incombe), che per sua natura è spezzato e discontinuo, la musica deve fare da collante, andare a camuffare i tagli, dare quella continuità allo spettatore, fondamentale durante la visione/ascolto del film.

Quando mi dicono che con i sogni ci si fa poco o nulla, io rispondo che con quei sogni rendo le mie giornate "migliori"...

4 commenti:

  1. Bellissima giornata, esperienza meravigliosa, incontro con un vero genio.
    P.s. Grazie per avermi contattata. Io mi appoggio qui, ti aspetto da me quando vuoi.

    RispondiElimina
  2. Grazie a te e benvenuta nel mio blog...io sono passata e devo farti i miei più sentiti complimenti perché mi trovo molto in sintonia con la tua passione per la scrittura e per il cinema. D'ora in avanti ti seguirò molto volentieri...spero lo stesso farai tu, a presto!!! ;-)

    RispondiElimina
  3. Arwen graaaazie! Beh una grande gioia per me. ^_^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...