mercoledì 20 agosto 2014

Mystic Pizza



I film degli anni '80 sembrano essere stati concepiti tutti sotto il segno della delicatezza e degli sguardi innocenti. Be' non proprio tutti, parlo delle commedie e dei film d'avventura, siano essi fantastici o più drammatici. Quando penso ai film di quel pezzo di secolo, mi viene in mente Ritorno al futuro, I predatori dell'arca perduta, Stand by me - ricordo di un'estate, Harry ti presento Sally, L'attimo fuggente e tanti, tantissimi altri. Lo sguardo del bambino che pare essersi messo a girare lui stesso al posto del regista, dietro una macchina più grande di lui, e basterebbe ricordare un capolavoro a caso di Spielberg, E.T. L'extraterrestre.

Insomma i film degli anni '80, più li guardi e più li ami. E giusto ieri mi è capitato di recuperare un film del 1988, diretto da Daniel Petrie, con una giovanissima, e non ancora Pretty Woman, Julia Roberts (c'è anche un giovanissimoissimo Matt Damon, qui al suo esordio cinematografico).
Mystic Pizza è una commedia dolce amara, che affronta con delicatezza le prime vicende amorose e tormentate di tre giovani adolescenti.

Tre ragazzine che di giorno servono pizze al locale Mystic, da cui prende il nome lo stesso, un villaggio di pescatori nel Connecticut, e di sera vivono le loro storie, tutte diverse ma ognuna sentita e sincera come solitamente si tende a vivere ogni cosa in quegli anni. C'è la ragazza bassina e frizzante che vorrebbe continuare ad amare il proprio ragazzo senza doverlo necessariamente sposare. C'è la ragazza destinata alla carriera universitaria, baby sitter e futura astronoma. E poi c'è lei, la bella Julia nei panni della sorella ribelle, la più disinibita, la più difficile da "domare". 


E si parla d'amore che fa battere i cuori e strizzare gli occhi, perché va bene che io ormai piango con una facilità a dir poco "ridicola", ma qui si torna sui sentimenti semplici. Sulla gioia che si provava la sera con le amiche e quattro bibite fresche, proibite, destinate ad "altri", come gli amori che agli occhi di tutti non possono funzionare. Si vedono aragoste di un arancio acceso, tutti i giorni, e si sogna insieme a queste piccole donne di cambiare quel piatto, prima o poi. Perché l'aragosta è la metafora di una vita standard, non adatta ai cambiamenti. 

Mystic Pizza è la storia graziosa e commovente di tre donne alla ricerca della propria strada, condita da gesti umili e sinceri, riempita dai sentimenti di una piccola comunità di pescatori portoghesi e di ragazzine che sorridono ai clienti con una pizza in mano, e poi la sera piangono, chiuse in camera e incapaci di capire perché l'amore faccia così male.

Perché tutti ci siamo posti quella stessa domanda, almeno una volta nel nostro letto, solo che ora lo abbiamo dimenticato. 

3 commenti:

  1. lo vidi a suo tempo e non mi fece proprio impazzire...brutta persona io....

    RispondiElimina
  2. mi incuriosisce non poco, penso che proverò a recuperarlo e poi lo vedrò :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...