lunedì 23 gennaio 2017

Quando cercavamo la neve




Questo fine settimana siamo stati in montagna.
A Rocca di Mezzo, nella provincia dell'Aquila.
Siamo partiti con le immagini davanti agli occhi di un albergo travolto dalla neve, con i titoli dei tg e le voci dei parenti - preoccupate, isteriche - che si raccomandavano.

"Non potete partire. Non dovete".

Ma noi questo fine settimana siamo stati in montagna.
Perché lo aspettavamo da una vita, questo week end. Perché i bambini contavano i giorni, e già sentivano la neve. Io che pensavo a bassa voce: "Tre giorni senza fare nulla, servita e riverita. Una signora!"
Finalmente un po' di riposo, meritato. E un po' di buona compagnia, sorrisi, bicchieri di vino in tavola e una comitiva di bambini a riempire la hall dell'albergo.

"Mamma ma l'albergo dove andiamo noi finisce sotto la neve come quello che abbiamo visto in tv?"

Prima dei sorrisi tante domande, e la paura di privare i nostri figli di tutto. 
Perché tu sei responsabile e hai una paura che non puoi nemmeno spiegare, quando si tratta di loro. Dei tuoi figli.
Paura di partire nonostante i tg, nonostante la tragedia e poi il terremoto, e tutta quella neve. 
Troppa.
Mai fatta tutta questa neve. Mai vista tutta questa neve.

Partire e lasciarsi alle spalle l'accusa di essere un genitore incosciente, che se ne frega dei rischi, che dimentica di come la gente muore.
Trenta persone, tanti bambini.
Il sogno di un week end travolto dalla neve.
La morte.
"E voi che fate? Andate incontro all'inferno?"

La verità è che noi non dimentichiamo nulla. Parlo per me, che sono madre di tre figli, ma so che molti genitori oggi vivono così.
Mentre sorridevo a mio figlio, il grande, per dirgli che non sarebbe accaduto nulla al nostro albergo e che con tutta quella neve il divertimento era assicurato, ripensavo ai rimproveri di mia suocera, allo sguardo di mia madre che ci vedeva come bambocci che stavano per essere spediti in trincea.
E ho capito che non era giusto. Che non merito di vivere così.
Che i miei figli nella neve devono vederci la gioia, i loro stessi sorrisi.

Perché il mondo oggi è così, ma non è colpa loro, e nemmeno la mia.
Certe cose non devono cambiare, non devono imbruttirsi di paure e paranoie.
Ci ho pensato molto questo fine settimana, in montagna.
Guardavo i bambini in mezzo a tutto quel bianco, a volte sprofondavano e io mi mettevo in punta di piedi per cercare i loro visi.
Mi basta questo - mi sono detta. Perché un tempo li ho indossati anch'io, quei sorrisi.
Quando partivamo per andare in montagna, quando eravamo un po' più spensierati.
Quando cercavamo la neve, e ci speravamo con tutto il cuore.


15 commenti:

  1. Valentina, hai scelto il momento migliore. Dopo il fatto dell'albergo spianato era molto difficile che potesse ripetersi un qualcosa che chiaramente è un'eccezione.
    Sono contento di risentirti.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio.. dopo l'Isis in Tunisia cercavo di convincere mia moglie; "Vedi? ormai statisticamente possiamo andare sereni". Ha vinto lei. Meno male.

      Elimina
    2. Ecco. Meglio riderci su... dai! =D

      Elimina
  2. Ciao Gus, felice io di ritrovarti qui.
    Io credo che a volta bisogna vivere e basta, senza calcolare nulla, senza una qualche statistica che ci dia l'ok per andare, e fare.
    Vivere o niente, come direbbe il poeta di Zocca. ^_^

    RispondiElimina
  3. http://www.msn.com/it-it/notizie/italia/rigopiano-fu-una-dirigente-della-prefettura-a-ignorare-lallarme/ar-AAm7XwV?li=AAaxHVJ&ocid=spartandhp

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vergognosa l'indifferenza e la superficialità del nostro paese. Il problema è sempre l'uomo.

      Elimina
  4. Ormai è accertato. AQ Farindola qualcuno aveva intuiti il pericolo, ma non è stato ascoltato dalla Prefettura di Pescara.

    RispondiElimina
  5. ... non si può vivere nel terrore...
    ... si finirebbe per non apprezzare le cose belle fino in fondo ...
    ... ma è sempre meglio ricordarsi le catene da neve !!!!

    RispondiElimina
  6. Ti leggevo e pensavo a Forza maggiore, filmetto alquanto ridicolo, pur volendo smuovere tematiche serie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooo. Mi stai massacrando Frozen? ;-)

      Elimina
  7. Anch'io da piccolo quando andavamo in gita in montagna (a Roccaraso) speravamo nella neve, la foto del profilo è stata scattata proprio in quell'occasione, comunque capisco la preoccupazione ma hai fatto bene perché in ogni caso se è destino accadrà e basta, però nel frattempo meglio non farsi sopraffare dalla paura e vivere sereni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pietro, lo credo anch'io. E cerco di farlo nel migliore dei modi, soprattutto da quando sono mamma. A volte è dura, non lo nego. Ma non voglio trasmettere tutto questo terrore ai miei figli. La vita è una, bisogna viverla. =)

      Elimina
  8. Inizio col dire che la foto dell'articolo è bellissima 😊 adoro Frozen e soprattutto Olaf! È normale la preoccupazione ma secondo me hai fatto bene, dobbiamo continuare a vivere, non ci dobbiamo abbattere nonostante queste tragedie. Buona serata!😘

    RispondiElimina
  9. Complimenti per il tuo bellissimo blog! Ti seguo!
    Se ti va di ricambiare passa da me:
    http://marycosmesi.blogspot.it

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...