sabato 17 novembre 2012

Festival internazionale del Film di Roma. Vince lo sdegno e perde ancora una volta "il CINEMA".



Ecco, ci risiamo. Per l'ennesima volta un sogno viene frantumato. Una grande esperienza resa inutile e soprattutto, il Cinema che viene miserabilmente "ammazzato"!!! Tenendo presente che sono indietro con le recensioni, dunque la maggior parte di voi non sa quali siano i miei giudizi sui singoli film visti al Festival. Mi scuso per questo e vi prometto che presto le mie impressioni avranno la degna sistemazione. Per chi mi segue su Twitter, ricordo quale fu la mia reazione a caldo dopo la visione del film di Franchi E la chiamano estate, questa: #E lo chiamano cinema? 
Venerdì mattina invece è arrivata per me una grande conferma, avevo anch'io un vincitore, il film che più di ogni altro aveva conquistato ogni minuscola particella del mio corpo e della mia anima: The motel life (e me ne frego del contentino passato come Premio per la miglior sceneggiatura). Mi riconsola sapere che NOI pubblico sappiamo guardare, sappiamo osservare proprio laddove la fiamma divampa. Senza dimenticare il grande rispetto e il pieno apprezzamento per il film di Giovannesi, Alì ha gli occhi azzurri, di cui ho parlato qui. Ma, quello di cui, "egoisticamente" ho bisogno ora, è un attimo di sfogo personale. Vi parlerò presto dei tanti altri film che meritano d'esser messi in luce, senz'altro più del capolavoro d'autore firmato Franchi. La voglia, anzi, il bisogno di liberare il mio disgusto, la mia delusione, lo schifo che in questo momento sto provando e forse solo chi ha vissuto intensamente il Festival, oggi come nelle passate edizioni, può davvero comprendere.
Davvero è dura tirar fuori le parole per descrivere questa terribile sensazione amareggiata, per tutta una serie di cose che sarebbe pure inutile stare qui a scrivere. Perché oramai è ben chiaro cosa accade in questi casi, no? I soldi, i quattrini, il danaro, i milioni...beh, un buon alibi che basti a far passare un obbrobrio messo sul grande schermo per cinema d'autore. Questo accade. Io voglio dire solamente questo, alla Giuria, a questa illuminante combriccola di non senso che vaga per il mondo con gli occhi foderati e i cervelli attufati. Avete proclamato vincitrice una regia squallida, tanto da non capire nemmeno dove essa sia, avete visto nelle gambe aperte della Ferrari la migliore interpretazione femminile, ma dando un'occhiata alla collocazione del Marc'Aurelio si capiscono fin troppe cose... 
Beh, avete lasciato sdegno, per l'ennesima volta, sul Festival di Roma. Avete fatto il possibile affinché le polemiche anche quest'anno sapranno gettare nell'arena i giornalisti e critici di mezzo mondo. Avete recitato e ricoperto il vostro ruolo "a dovere". La Giuria. Mi chiedo cosa si provi a fare la parte degli "assassini del cinema italiano"... 
...i buffoni di corte. 
(applausi...)

I PREMI ASSEGNATI AI FILM IN CONCORSO:
Marc’Aurelio d’Oro per il miglior film: MARFA GIRL di Larry Clark
Premio per la migliore regia: Paolo Franchi per E LA CHIAMANO ESTATE
Premio Speciale della Giuria: ALÌ HA GLI OCCHI AZZURRI di Claudio Giovannesi
Premio per la migliore interpretazione maschile: Jérémie Elkaïm per MAIN DANS LA MAIN di Valérie Donzelli,
Premio per la migliore interpretazione femminile: Isabella Ferrari per E LA CHIAMANO ESTATE
Premio a un giovane attore o attrice emergente: Marilyne Fontaine per UN ENFANT DE TOI di Jacques Doillon
Premio per il migliore contributo tecnico: Arnau Valls Colomer per la fotografia di MAI MORIRE di Enrique Rivero
Premio per la migliore sceneggiatura: Noah Harpster e Micah Fitzerman-Blue per THE MOTEL LIFE

I PREMI ASSEGNATI AI FILM NEL CONCORSO DI CINEMAXXI:
Premio CinemaXXI (riservato ai lungometraggi): AVANTI POPOLO di Michael Wahrmann
Premio Speciale della Giuria – CinemaXXI (riservato ai lungometraggi): PICAS / PIZZAS di Laila Pakalnina
Premio CinemaXXI Cortometraggi e Mediometraggi: PANIHIDA di Ana-Felicia Scutelnicu

PREMI ASSEGNATI AI FILM DEL CONCORSO PROSPETTIVE ITALIA:
Premio Prospettive per il miglior Lungometraggio: COSIMO E NICOLE di Francesco Amato
Premio Prospettive per il migliore Documentario: PEZZI di Luca Ferrari
Premio Prospettive per il migliore Cortometraggio: IL GATTO DEL MAINE di Antonello Schioppa
Menzione speciale della Giuria ai protagonisti di LA PRIMA LEGGE DI NEWTON di Piero Messina

IL PREMIO ASSEGNATO ALLA MIGLIORE OPERA PRIMA E SECONDA:
ALÌ HA GLI OCCHI AZZURRI di Claudio Giovannesi
Menzione speciale della Giuria al regista e al cast di RAZZA BASTARDA di Alessandro Gassman

PREMIO DEL PUBBLICO: THE MOTEL LIFE di Gabriel e Alan Polsky

P.S. Il pubblico, lo spettatore, colui che VEDE, è il giudice più importante!!!

Fonte della news http://www.40secondi.com

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...