mercoledì 26 giugno 2013

Non è al momento raggiungibile...



Carissimi amici e carissime amiche, come avrete notato in questi ultimi giorni, la mia presenza su queste pagine è abbastanza scarsina. Un po' colpa del caldo, l'estate rimane ancora una delle mie stagioni maledette. Un po' perché mi sto dando da fare, in altro modo, per arrotondare le "entrate". Mi sono specializzata nell'arte del fai da te (e non pensate male mi raccomando), anzi chiunque volesse saperne di più, mi contatti in privato...

Ma, a parte questo mettiamoci pure (e soprattutto) che la scuola è finita...ecco. La mattina come mio solito, non appena il grande dei miei due maschietti andava a scuola, io avevo quel pezzetto di tempo per me. Per scrivere, anche perché uno è meglio "gestibile" di due, e nonostante i suoi svariati tentativi di manomettere il pc, sono sempre riuscita a portare a termine la mia "missione". In questi giorni caldi e caotici mi sembra di aver sconnesso i contatti con il mondo reale e non. Mi sembra di aver perso il controllo, ma a ben vedere le sole redini completamente abbandonate sono le mie, quelle che mi tenevano in piedi. 

A volte penso che i miei ventotto anni siano più o meno coetanei degli ottantatré di mia nonna...ma è meglio non ricordare questo dettaglio. Pochi giorni fa mi è capitata una cosa curiosa, insolita anche, poiché non ricordo sia capitata prima, o almeno così raramente da averlo dimenticato. Una volta a settimana di "rito", non appena torna mio marito a casa, io prendo la macchina, mi armo di buste e di tutte le tessere dei supermercati che ricoprono quasi per intero il litorale romano e dintorni, e vado a fare la spesa. Di solito la prima cosa che faccio è stabilire un budget (che quasi sempre viene scavalcato, e di brutto) poi guardo cosa c'è e cosa non c'è, prendo la borsa le chiavi e me ne vado. Bene, ho il morbo della fata smemorina io, lo ammetto. Però il cellulare lo prendo quasi sempre in automatico, caso strano appunto, quel pomeriggio lo lascio a casa. Me ne accorgo mentre guido e canticchio l'ultima dei Daft Punk, Get Lucky mi pare sia il titolo. Dopo un'apparente e rapida sensazione di smarrimento esistenziale, ecco che mi sento pervadere il corpo come da una brezza nuova, leggera e incontaminata. Pensavo che in quel momento, quella, fosse una delle sensazioni più belle che io avessi provato in questi ultimi cinque anni della mia vita. Gli anni più tosti, quelli che ti hanno messo alla prova sul serio. La laurea, il matrimonio, due figli...finisce che tu e il mondo al di fuori delle mura domestiche, e poco più in là del tuo istinto materno che ti consuma fino all'ultima, piccola cellula del tuo corpo, proceda rimpicciolendosi fino a svanire. La tua normalità ti vuole onnipresente, mai stanca, sempre sull'attenti perché se molli tu crolla tutto. La normalità vuole che tu sia donna ideale, madre ideale, amica ideale, compagna ideale e via discorrendo...le responsabilità a volte ti attanagliano, ti mettono all'angolo e non ti lasciano scelta. 

Libertà, di Emiliano Gentilini

E nonostante le gioie immense di questa vita , quello che ti manca di più di te, è e sarà sempre quel pizzico di spensieratezza e leggerezza che hanno contraddistinto la tua adolescenza. Ecco perché sentirsi per un istante "non raggiungibile" appare ai tuoi sensi come una piccola rinascita. Torni a sentirti libera, ti dimentichi delle responsabilità e dei doveri. Nessuno può giungere a te...hai staccato un secondo la presa. Capisci che forse dovresti farlo davvero, più spesso perché ne hai bisogno. E quando ti concederai il momento, una dolce vocina parlerà per te:

"L'utente da lei chiamato non è al momento raggiungibile"...




8 commenti:

  1. Mi fai ricordare un'immagine bellissima di un film che amo molto, ovvero 'Contact' di Zemeckis: quando Elle/Jodie Foster se ne va, da sola, in macchina in mezzo al deserto e inforca le cuffie per ascoltare il cielo... ecco, io credo che tutti ogni tanto sentiamo il bisogno di disconnetterci dal mondo, un mondo che troppe volte non capiamo o ci sembra troppo ingombrante. Lo facciamo perchè siamo 'umani', perchè è giusto e doveroso prenderci un po' di spazio per noi stessi, fa parte della nostra natura.
    Io dovrei starmene zitto, dal momento che non ho nè moglie, nè fidanzate, nè bambini di crescere... eppure anche a me piace, ogni tanto, farmi lunghe passeggiate da solo, rigorosamente senza cellulare, a pensare ai bei momenti della vita e ai ricordi più piacevoli. Fa bene.
    Perciò ti capisco, mi ha fatto molta tenerezza questo tuo post :-)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. E' vero Kelvin...ma lo sai che non ci avevo pensato? Sì, ok sono fusa davvero ultimamente. Bello sapere che si comprendano questi stati d'animo, spesso chi ci è più vicino ci guarda come alieni perché trovano assurdo e incomprensibile tutto questo. Sembra che i tuoi problemi, i tuoi momenti più delicati non appartengano alla razza umana...bah. Menomale che ci siete voi, che ci sei tu a capirmi. Un abbraccio anche a te. ;-)

    RispondiElimina
  3. Invece tu mi fai ricordare la scena di un libro che amo molto - "Le ore" di Michael Cunningham - in cui una delle tre protagoniste lascia per un attimo suo figlio da una vicina, dopo aver provato invano a fare una torta per suo marito, e prende l'auto, percorre un bel paio di chilometri, non avendo in testa una meta, e si ferma in un motel. Prende una stanza e si immerge ne "La signora Dalloway" di Virginia Woolf, e lo legge, finalmente in santa pace, dimenticandosi per un attimo di tutte le preoccupazioni, e non è effettivamente raggiungibile, non c'è per nessuno, né per suo marito e né per suo figlio così innamorato della sua mamma, ma c'è solo per se stessa e per il libro.

    Io non ho nessuno di cui occuparmi, solo della poesia, ma credo sia d'obbligo per chiunque staccare la spina per il tempo necessario di ritrovarsi e di riconoscersi come essere umani, con ricordi, sentimenti e speranze.

    RispondiElimina
  4. sii non raggiungibile quanto e quando ti serve.
    è necessario:)

    RispondiElimina
  5. Anche a me capita, ogni tanto. Il bisogno di staccare da una vita frenetica...e allora cerco pure io di essere "non raggiungibile"...serve, eccome se serve. Serve anche a renderci migliori si!

    RispondiElimina
  6. @Denny che bello...un'immagine nuova per me. I tuoi consigli letterari sono sempre preziosi. Voglio leggere questo libro ora. Grazie!!! ;-)

    RispondiElimina
  7. @Franz devo capire che non c'è nulla di male in questo, sì. Lo farò!!! =)

    RispondiElimina
  8. @Beatrix tu mi capisci benissimo...è vero, è sacrosanto farlo. Ne abbiamo bisogno...=)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...