mercoledì 30 ottobre 2013

Apri gli occhi, resta sveglio, non dormire questa notte...



Avrei voluto intitolare questo post "Cinema Horror, storia di un genere" o simili. Ma alla fine ho pensato fosse troppo banale, e ho preferito avviare il discorso in un modo più diretto e d'effetto. Almeno, spero ci sia, quest'effetto.

Chi ha avuto a che fare almeno una volta nella propria vita, con un tale Freddy Krueger, sa, di cosa stiamo parlando. Addentrarsi nel cinema dell'orrore non è certo una cosa semplice, soprattutto se consideriamo il fatto che, chi scrive, ha da sempre un rapporto molto complicato col genere. Credo per certi aspetti dell'Arte, bisogna essere predisposti, preparati, trovare al momento giusto l'occhio non solamente critico, ma anche allucinato e lascivo (perché no?). Se così non fosse è chiaro che non comprenderemmo mai, per fare un esempio, la scelta di mettere in scena questi teenagers che vengono allegramente sfracellati da uno psicopatico pluriomicida. Bisogna essere un bel po' distanti dalla realtà e da tutto ciò che fino a ieri, abbiamo considerato come legge dell'universo e della vita. Se pensi che tutto sia inverosimile e inaccettabile, non potrai mai comprendere alcuni aspetti della vita, soprattutto se parliamo di Arte. Soprattutto se parliamo di Cinema.


Proprio poco tempo fa, vedendo Pietà di Kim Ki-duk, ragionavo su quanto sia cambiato l'interesse del pubblico negli ultimi anni. Su quanto più tollerabile sia diventato il pudore visivo di chi guarda, di come gli occhi a un certo punto non si stupiscano più di vedere la violenza in carne ed ossa, su quel grande schermo. Penso a come un tempo un solo Dracula o un solo Frankenstein sapevano lasciare il segno; ne sono passati di anni da quel Nosferatu il vampiro di Murnau (1922). Dall'espressionismo tedesco, anche gli americani iniziano a prendere spunto, negli anni '30, alcuni attori addirittura si dedicano esclusivamente a ruoli da horror, due su tutti Bela Lugosi e Boris Karloff. Creature spaventose, spesso trapiantate dalle pagine della Letteratura. Mostri, ombre sui muri, mummie e scienziati pazzi. Sarà così fino agli anni '50, quando le innovazioni tecnologiche cambieranno radicalmente anche il cinema, con il 3D. Cambia il modo di realizzare i film horror, e cambia la reazione dello spettatore, il quale viene messo in una condizione tale da credere di vivere davvero, quelle storie spaventose. Entrano in scena gli alieni, il genere si colora di Fantascienza (L'invasione degli Ultracorpi di Don Siegel, 1956). 


Strano pensare che questo genere non c'entri nulla con me, eppure mi incuriosisce la sua storia, la sua evoluzione. Pensare che proprio verso gli anni '60 poi, qualcosa di significativo avviene, ed è esattamente qui che, a mio avviso, si verifica uno dei fatti più interessanti della storia dell'horror. Dai mostri extra-ordinari, si passa ai mostri capaci di confondersi con la gente; mostri che si camuffano vestiti da uomini e donne (sì, anche quelli di Maria De Filippi), quelli che ti mettono addosso l'ansia di essere perennemente in pericolo. I film horror non sono più così inverosimili e assurdi, perché iniziano a riflettere ciò che siamo, la nostra società e il nostro inconfessabile male. Ecco allora che si comincia a parlare di "horror psicologico", un certo Alfred Hitchcock rinnova completamente il genere, con Psyco (1960), nasce l'effetto suspense e la psicologia nel cinema viene approfondita, toccandone ogni ramo. In quegli anni vede la luce anche un horror tra i più influenti di quella decade, La notte dei morti viventi di George A. Romero

Qualcuno potrebbe dire, "e in Italia?". Beh, negli anni '70 avevamo, in teoria c'è ancora ma non cinematograficamente parlando (purtroppo), un regista che con i primi tre film (L'uccello dalle piume di cristallo, Il gatto a nove code e 4 mosche di velluto grigio) si guadagnò la nomina dell'Hitchcock italiano. Davvero notevole il suo periodo d'oro, poi però qualcosa è andato spegnendosi e ricorderei oltre alla trilogia zoologica, quello che è stato riconosciuto all'unisono, come il capolavoro di Dario Argento, Profondo rosso. Senza dimenticare ovviamente, papà Mario Bava, dal quale un po' tutti hanno imparato. Italiani e non.


Da questa parentesi italiana, sempre negli anni '70 esplode la mania del diavolo e dell'occulto. Il pubblico sembra aver assimilato questo genere tanto da permettere ai B-movie di diventare poi A-movie, innalzando sempre di più la dignità del genere. Significativi sotto la scia satanica, di donne e bambini impossessati dal demonio, ricordiamo Rosemary's baby di Roman Polanski e L'esorcista di William Friedkin. E in questa decade, giusto per limitare il numero di film che dimenticherò (non conoscerò nemmeno, dimenticherò di proposito, non posso stare dodici ore al pc, è tardi) rientrano altri tra i più significativi come L'ultima casa a sinistra di Wes Craven (1972), Non aprite quella porta  di Tobe Hooper (1974), Il demone sotto la pelle (1975) di David CronenbergCarrie di Brian De Palma (1976) e chiuderei con Halloween - La notte delle streghe di John Carpenter (1978). 

Gli anni '80, in un mio personale excursus del genere, sono gli anni di Freddy Krueger, e si poteva intuire dal titolo del post. Nightmare - Dal profondo della notte ha avuto un tale impatto nella mia (e credo anche in quella di molti di voi) adolescenza, da farmi credere alla storia dei "piedi scoperti nel letto = morte" e viceversa, "piedi coperti = così il mostro non mi può prendere". Incredibile. Accanto al volto di Freddy, appaiono quelli di Michael Myers e Jason Voorhees. Degli anni '80 è anche quello che molti, me compresa, considerano il capolavoro per antonomasia, parlando di horror psicologico, diciamo che Kubrick con il suo Shining abbia realizzato un almanacco vivente.

Saltando agli anni '90, che dire, io darei la colpa di tutti i miei più grandi incubi a Pennywise. Quel che fece Tommy Lee Wallace nel 1990, portando sullo schermo uno dei più riusciti romanzi di Stephen King, è a dir poco spietato. It rimane ancora oggi, per me, il peggiore/migliore film horror che si potesse realizzare. Io l'ho sempre visto come una sorta di Goonies dell'orrore. Perché c'erano questi ragazzini, c'era l'avventura e quell'ingenuità tipica dei bambini. Questo mostro, indefinito in realtà, perché non era chiara la sua vera identità, le sue vere origini, sapeva incarnare con un'immagine sola, la paura come non si è mai presentata prima. Dei palloncini rossi, una barchetta di carta e l'ingenuità di un bambino sprovveduto che non bada nemmeno all'aspetto inquietante di un clown piuttosto insolito. Non riesce a cogliere la diversità, quello che i grandi di solito (dicono) sanno fare. Ma nel film saranno proprio i bambini, i soli a conoscere Pennywise, mentre i grandi continuano ad ignorarlo. Un pagliaccio in tutina gialla che si diverte a uccidere bambini. Esiste qualcosa di più schifosamente raccapricciante? No.


Io non saprei davvero come continuare, dopo It per me l'horror ha iniziato a svanire, dissolvendosi completamente, o quasi, del tutto. In questo nuovo millennio però, si continuano a fare tanti film horror. Vedo e avverto in giro, soprattutto tra amici e colleghi che c'è un certo bisogno, seppur nascosto (almeno il mio è proprio offuscato), di splatter e talvolta anche di un pizzico di trash. Sono termini che ricorrono di frequente, nel mondo che abito e che frequento quasi più spesso di quello reale. Chi ama il cinema, di questo ormai sono certa, ama confrontarsi con tutto ciò che lo schermo propone. Che sia una commedia demenziale, zuccherosa, un dramma da lametta a portata di mano o un'Armata delle tenebre qualsiasi. 

"Sì, ma cerca di essere più chiara, si è fatta una certa ora, tutto questo polpettone megagalattico per dire che cosa?" 
Che un genere può non piacerci, perché non lo capiamo o semplicemente non riusciamo ad andargli incontro (a me capita questo), ma perfino in ciò che non ci piace, il cinema, sa farci avventurare. Guardate me, è una vita che dico che gli horror mi fanno schifo e non andrei in sala nemmeno incatenata, ed eccomi qua. 
L'una di notte, al pc, a scrivere un logorroico special, sul cinema dell'orrore...


12 commenti:

  1. io sono praticamente onnivoro, ho divorato e divoro tuttora film di tutti i generi ma il mio cuore batte per l'horror e per il film di genere...anche la cosiddetta serie B è un'arte...

    RispondiElimina
  2. Forse sarà che sono cresciuta con Freddy, ma anche per me l'horror di un tempo non c'è più, eppure è un genere che mi ha sempre affascinato e continua a farlo.
    Guarda caso l'anno scorso ho letto Rosmary's Baby di Ira Levin e più recentemente L'Invasione degli ultracorpi e la mia riflessione è stata molto simile alla tua. Prima sapevano spaventare con niente, prima sapevano creare suspense. Questi libri (o film) sopravvivono a ogni lettura (o visione) non sentono il peso degli anni, e non lo sentiranno probabilmente mai.

    RispondiElimina
  3. E Bradipo, avevo intuito la tua profonda sensibilità nei confronti del genere. ;-) Infatti spesso nel tuo blog scopro titoli a me completamente nuovi, me li segno e dico: dovrò vederlo prima o poi. Ma la pigrizia ha sempre la meglio, perché non c'è quello stimolo che mi rapisca e mi faccia salire la voglia di "vedere". Però piano piano qualcuno lo recupererò, promesso. ;-)

    RispondiElimina
  4. Vero Silvia. Infatti a me capita (per citare il meglio del meglio e nei secoli dei secoli) con Shining. In questo caso, né il libro né il film sembrano venir scalfiti dal tempo che passa. Sempre lo stesso effetto, come la prima volta. Da questi esempi poi, capisco che nella mia concezione di Horror, il massimo che io possa chiedere al genere, sia tutto su questi esempi di "psicologia e suspense".

    RispondiElimina
  5. Per domani ho programmato anche io il mio personale post "pauroso". Non a caso nei film che ho messo nella mia lista soltanto uno è recente...

    RispondiElimina
  6. Ti dirò Vale, a me gli horror piacciono, ma mi fermo agli anni 90 purtroppo.. E' vero che il genere ha perso tutto nell'ultimo decennio..

    RispondiElimina
  7. grandissimaaaaaaaaaa, speciale davvero interessante che da amante folle del cinema horror quale sono non posso che apprezzare ;-)

    @ valentina salmin
    Oddio , non sono del tutto d'accordo sul fatto che nell'ultimo decennio il genere ha perso anzi, semmai sono gli anni 90 che son stati molto buii per l'horror, in quel periodo veniva prodotto un horror ogni morte di papa, e quelli (pochi ) che venivan prodotti 9 volte su 10 erano leggeri leggeri, c'era un sacco di censura e bigottismo, oggi invece per fortuna non è così, finalmente si è tornati all'horror duro ed estremo e politicamente scorretto, per me questo decennio ha prodotto si mondezza (i vari paranormal activity, altre facce del diavolo e il peggiore di tutti twilight) ma ha prodotto anche tanti bei film nuove interessanti leve di registi appassionati del genere

    RispondiElimina
  8. Beatrix allora passo domani, molto curiosa di scoprire il film recente...^_^

    RispondiElimina
  9. Vale io la vedo un po' come te, negli ultimi anni è stato davvero nullo o quasi, il mio rapporto con il genere. Quindi questo potrebbe anche pesare negativamente sul mio pensiero, perché se non vede uno non può giudicare. Magari devo recuperare qualcosa che saprà sorprendermi. ;-)

    RispondiElimina
  10. Grazieeeeeeee Myers, il tuo parere ovviamente era importante!!! =D

    RispondiElimina
  11. Molti horror li scanso.... sono molto pauroso e li lascio li dove sono

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...