martedì 9 ottobre 2012

Killer Joe



Chris Smith è un giovane spacciatore di mezza tacca nei guai fino al collo. La madre gli sottrae la merce da sotto il naso e non ha molte alternative se non quella di trovare al più presto 6.000 dollari. Ecco allora entrare in scena Killer Joe, l'uomo ingaggiato da Chris e dal padre/ex marito Ansel, per uccidere la donna e incassare i soldi della polizza sulla vita. 50.000 dollari avrebbero davvero risolto i problemi a tutta la famiglia. Le cose però, non andranno esattamente come previsto dal piano del "povero" Chris...

Joe Cooper è lo sceriffo del dipartimento di polizia di Dallas che, per "arrotondare", fa il killer a pagamento. E' un uomo metodico, dai modi piuttosto galanti, tipici del gentiluomo terribilmente affascinante che viene dal Sud. Non alza mai la voce, nemmeno una volta. Killer Joe sembra raccontarsi allo spettatore a poco a poco e in maniera del tutto imprevedibile, fuorviante. Guardiamo il film e non sappiamo mai in quale direzione si sta andando, se verso la commedia, la tragedia, se verso il lieto fine o l'epilogo più tragico. William Friedkin,  possiamo crederlo e affermarlo senza il rischio di venir contraddetti, gioca molto su questo aspetto, e da grande regista quale è, si diverte a seguire passo passo le evoluzioni/involuzioni dei personaggi a suon di piani sequenza, immortalando gli stati d'animo e le crisi psicofisiche degli stessi. Servendosi di un cast straordinario, il regista statunitense, quello che nel 1971 con Il braccio violento della legge, prende il "poliziesco" e ne fa un capolavoro d'arte cinematografica (vincendo ben 5 statuette), compie il miracolo che nessuno avrebbe mai immaginato. Assistere alla metamorfosi totale di un attore destinato a rimanere nei margini della commediola americana. Perché, parliamoci chiaro, Matthew McConaughey, con quella faccia pulita, pettorali da urlo e il visetto da bravo ragazzo che ogni mamma vorrebbe vedere accanto alla figlia, dove lo vuoi trovare? Che so, Prima o poi mi sposo, oppure A casa con i suoi, o Tutti pazzi per l'oro, questo era McConaughey, "era".

Ebbene si, Matthew McConaughey/Killer Joe

Dimenticatevi di lui...sarà solo un tenero ricordo che in un lampo getterete via. Perché non resisterete al fascino del sociopatico quieto e folle che toglie vite su commissione ma non resta indifferente all'innocenza e al fascino di una giovane condannata ad essere la vittima di una famiglia sconvolta e disastrata. Al contrario. Sente che deve salvarla. E' così che Joe si innamora di Dottie (Juno Temple), la sorella di Chris. La caparra che il padre e il fratello hanno "gentilmente" concesso a Joe in attesa di saldare i conti. Anche il personaggio di Dottie è complesso, si rivela lentamente e in particolar modo quando è accanto a Joe. 

Juno Temple/Dottie Smith

Al di là del curriculum di Friedkin, ricordiamo tra gli altri titoli, L'Esorcista (1973), Vivere o morire a Los Angeles (1985), The Hunted - La preda (2003), va il merito a questo regista anche per un adattamento non facile come quello di una pièce teatrale del Premio Pulitzer Tracy Letts. Così come va riconosciuto il doveroso merito a degli attori impeccabili a partire da Hemile Hirsch/Chris, Juno Temple/Dottie, Thomas Haden Church/Hansel Smith e Gina Gershon/Sharla Smith. Senza dover ribadire ancora una volta l'imprevedibile e "straordinario" McConaughey. Anche se, complice il mio debole per Hirsch, c'è da dire che Chris Smith è un personaggio fantastico, o meglio, è forse il più orribile perché a ben vedere l'idea di ingaggiare Joe è stata sua, così come non ha esitato neanche un istante a consegnare la sorella/oggetto di prostituzione a uno sconosciuto come caparra. Ed è straordinario come Friedkin abbia curato questo "curioso" aspetto di Chris (fate attenzione al cane, non dico di più...). E nonostante questo vi sto dicendo che è fantastico. Ma, come dire, al pubblico piace da morire il perdente e sfigato a vita che quel che tocca "sfascia", non è così? 
Hemile Hirsch/Chris Smith

In questa Cenerentola dei giorni nostri, dunque terrificante e senza alcun ballo al castello, si svela la reale natura dell'essere umano. Killer Joe, nel suo essere un pezzo di Noir in pieno stile Pulp che tanto farà impazzire i "tarantiniani d'oc", risulta essere un tragico ritratto di una società mossa da esseri riprovevoli. Così come i personaggi diretti da Friedkin, gli uomini si muovono cercando disperatamente il controllo delle proprie vite, "senza riuscirci". 

6 commenti:

  1. Questo lo vorrei assolutamente vedere, è un po' che lo "punto".
    Però in Italia non è ancora uscito o sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esce l'11 Bolla. DEVI DEVI DEVI vederlo perché è FANTASTICO!!! Poi saprai ridirmi...=)

      Elimina
  2. Lo attendo con ansia.
    Ho come l'impressione che sarà uno dei miei film dell'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quasi certa che la tua impressione sarà confermata alla grande, perché caro Ford in ogni saloon che si rispetti non si può non amare Joe Cooper. :-)

      Elimina
  3. anche per me è una visione assolutamente obbligatoria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazzi aspetto curiosissima la vostra impressione... :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...